La regola degli under, i giovani sono un peso o un’opportunità?

Discussa, oggetto di polemica tra allenatori e dirigenti, la regola degli under rappresenta un tema caldo anche per la prossima stagione.

In una recente intervista, il  Presidente della LND Cosimo Sibilia ha annunciato il blocco degli under per la prossima stagione. In seguito a questa decisione non avverrà lo scatto in avanti d’età.

Gli interrogativi maggiori restano però sulla reale utilità di questa regola, perché alcuni allenatori di serie D e Eccellenza si lamentano di questa norma, poiché abbassa il livello tecnico-tattico del gioco e crea false illusioni nei giovani calciatori, disincentivando altri percorsi di formazione.

D’altra parte, come affermato anche dal Presidente Sibilia, questa regola obbliga l’uso dei giovani nei campionati, garantendo un certo minutaggio ai giovani atleti e offrendo l’opportunità di confrontarsi e migliorare in contesti competitivi.

Tuttavia è necessario fare una distinzione fra le varie categorie, in quanto under di Eccellenza (squadra di vertice) o Serie D hanno tendenzialmente abilità, mentalità e una disciplina superiori rispetto a under di categoria inferiore.

Allo stesso tempo, esistono casi di under molto dotati in Promozione o categorie inferiori (dove non vige la regola degli under)che giocherebbero ugualmente senza questa normativa.

Il giusto mix qual è? Un riduzione di impiego di under nei campionati della LND potrebbe essere una soluzione per elevare il livello tecnico-tattico e garantire un minutaggio adeguato ai giovani, attualmente i vincoli per le società sono di 4 under in serie D, 3 in Eccellenza e 3 in Promozione.

Le strade per incentivare lo sviluppo del movimento calcistico giovanile passano anche da un lavoro di sinergia con le scuole, per aumentare le ore di attività motoria già negli istituti educativi primari al fine di formare giovani più coordinati, pronti e competitivi nei campionati, senza ricorrere a una regola che obbliga l’impiego di questi.

In conclusione, l’importante è tutelare e preparare i giovani alla pratica sportiva, istruendoli e orientandoli nelle proprie scelte, per non permettere di creare illusioni o ancor peggio abbandoni anticipati dallo sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *